"la macchia nacque al Caffè Michelangiolo!"

"Dato ad un Caffè di Via Larga, ora Cavour, il nome di Caffè Michelangiolo (...) attirarono a sè quasi tutti gli elementi artistici che erano allora in Firenze"

Storie del Caffè Michelangiolo e dei Macchiaioli

"Maestri Dogmatici e giovani ribelli"

"ad aria aperta..."

Riomaggiore

L'Associazione Culturale

All'indomani dei moti del 1848, in un Caffè di Via Larga cominciarono a ritrovarsi giovani artisti, molti dei quali frequentavano la vicina Accademia di Piazza San Marco, emancipandosi dall'insegnamento tradizionale prendendo come unico maestro "la natura"

Parallelamente con le esperienze della pittura "au plein air" francese e inglese, anche i Macchiaioli come Signorini, Lega, Fattori, Abbati e Borrani iniziarono ad uscire dagli studi d'artista dei maestri, osservando la luce e creando così la "macchia"

Sostenendo da sempre la frangia mazziniana del Risorgimento, i Macchiaioli si fecero espressione di questa temperie. Al fallimento di queste istanze e alla vittoria della borghesia, inizierà una vera e propria diaspora dei Macchiaioli che cercheranno conforto nei luoghi più remoti del Centro Italia. Signorini ad esempio finirà i suoi giorni a Riomaggiore

Dal 2014, il Caffè Michelangiolo ritrova vita grazie all'Associazione Culturale che ivi è ospitata e promuove eventi e mostre con l'intento di valorizzare il carattere avanguardistico della "macchia"

 

Prossimi Eventi, oggi al Caffè

promossi dall'Associazione Culturale Caffè Michelangiolo

Giovedì 27 Aprile 2017

e i miei compagni sono pronti? domandò il burattino

169 anni dalla battaglia di Curtatone e Montanara

Quando: Giovedì 27 Aprile 2017

Dove: Palazzo Bastogi, Via Cavour 18

e Caffè Michelangiolo, Via Cavour 21

 

Ingresso gratuito

 

La mostra rimarrà aperta fino al 10 maggio 2017

 

 

Galleria di immagini

degli eventi già fatti...

"Noi, Caffè Michelangiolo"

Leggi alcuni estratti dal nostro periodico

Furono primi i Macchiaioli a concepire l'instantaneità nell'arte come un'avanguardia stilistica che solo la Pop Art fece propria un secolo dopo. (...) Di fianco ai grandi quadri delle Battaglie di Magenta, questi artisti politicanti di un socialismo ibrido affiancavano i loro quadri intrisi di momenti di silenzio e sospensione con una forza dirompente di rottura con i loro stessi maestri.

Andrea Del Carria

Storico dell'Arte

Gioventù Artistica

Nell'idea dei Macchiaioli esisteva un valore che andava oltre alla ricerca moderna o all'anti-accademismo e non era solo il fatto di andare a cercare un'emozione naturale che li portava a tornare a dipingere fuori dagli studi, ma quanto quel sentimento di realismo e di naturale che sentivano privo di un idealismo nell'osservare quelle capaci testimonianze che la storia dell'arte gli poteva consegnare.

Massimo Innocenti

Artista e critico

"...un maiale nero su un muro bianco"

Via Larga, la via degli incontri

Via Larga fin dai tempi antichi era, come dice il nome stesso, una delle più ampie vie del centro di Firenze. (...) Nell'Ottocento, sempre questa via, ha assunto il ruolo di vero e proprio punto di ritrovo, dove, grazie anche a posti come il Caffè Michelangiolo personaggi come Matteucci e Barsanti hanno potuto elaborare pensieri e idee.

Eugenio Giani

Presidente del Consiglio Regionale della Toscana

Caffè Michelangiolo

Via Cavour 21, Firenze

50129

 

info@caffemichelangiolo.it

+39 055 295264

 

 

 

I nostri partner e sostenitori

| webdesigner Sabina De Meo | info@sabinademeo.com | © 2016  Made with in Musefree.com |